Lotta al contante libero in Grecia

Tempo di lettura
1 minute
% di lettura

Lotta al contante libero in Grecia

Aprile 24, 2013 - 00:20
Posted in:

Foto di Mike Bitzenhofer (Flickr: flickr.com/photos/bitzcelt)

Sono passati pochi mesi dal convegno organizzato dalla Deutsche Bundesbank in difesa dell’impiego del contante libero, ma fuori dai confini tedeschi emerge sempre più una netta opposizione in altri paesi membri dell’Unione Europea verso questo mezzo di pagamento.
Succede così che in Italia l’impiego del contante sia demonizzato e diventi quasi sinonimo di ‘evasione’, mentre in Grecia si procede fissando tetti sempre più stringenti verso il denaro ‘cash’.

Il nuovo disegno di legge del Ministero delle Finanze greco è ormai in dirittura di arrivo e sarà sottoposto al giudizio della troika (BCE, Commissione Europea, Fondo Monetario Internazionale) nel prossimo mese di giugno per ottenere il nulla osta all’entrata in vigore (questa è la prassi per i paesi sotto memorandum che hanno ceduto la propria sovranità per ottenere gli ‘aiuti’ internazionali, ovvero prestiti con interessi da dover ripagare).

Ufficialmente, il Ministero dichiara di voler limitare l’impiego del contante, con pagamenti autorizzati solo sino a un massimo di 300 euro e con l’imposizione dell’utilizzo della carta di credito, giustificando le nuove misure con la lotta all’evasione e con la necessità di registrare il profilo finanziario di tutti i contribuenti.

Il piano del Ministero prevede inoltre l’inasprimento delle sanzioni che saranno associate con la gravità e la frequenza dei reati fiscali e che potranno essere accertate in qualunque momento attraverso la consultazione di una banca dati informatizzata. L’eventuale evasore, individuato ad esempio attraverso un banale controllo della patente e libretto, potrebbe così essere arrestato e processato immediatamente.

Riferimenti:

greki-gr.blogspot.gr
news247.gr
www.sibilla-gr-sibilla.blogspot.gr

Regole per i commenti

I contributi dei lettori sono ben accetti, purché rispettino le regole. Ogni commento sarà sottoposto alla valutazione dei moderatori, prima dell'eventuale pubblicazione.